Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto grafico ed il funzionamento. Maggiori Informazioni.

Ospedale Sacro Cuore Don Calabria - Journal

Formazione

25/11/2018

Vene varicose: la scleroterapia, ecco come funziona

Si tratta di un metodo assolutamente indolore che occlude la vena servendosi di un farmaco in schiuma. Al "Sacro Cuore Don Calabria" un corso rivolto agli specialisti sullo stato dell'arte di questa terapia 'antica', ma in continua evoluzione

La scleroterapia è, insieme alla chirurgia ed alle tecniche ablative (laser e radiofrequenza a microonde), una delle tre opzioni terapeutiche di cui dispone oggi il flebologo per il trattamento della malattia varicosa degli arti inferiori. Pur avendo origini antiche, la scleroterapia trova oggi rinnovato interesse grazie all'utilizzo dei farmaci sclerosanti sotto forma di schiuma e all'uso routinario dell'ecografia.

 

 

Il principio è sempre lo stesso: occludere le vene della circolazione superficiale (tronchi safenici - grande e piccola safena - e rami collaterali) che non sono più in grado di svolgere la funzione di ritorno del sangue verso il cuore. Questo accade quando, a causa di una debolezza congenita, le valvole, di cui sono dotati i vasi, diventano incontinenti dilatando di conseguenza la vena, che assume una forma tortuosa e fa ricadere il sangue verso il basso.

 

 

Questo "ristagno" di sangue determina i sintomi della malattia varicosa: gambe gonfie, pelle pigmentata di rosso, comparsa di dermatiti ed eczemi e, negli stadi più avanzati, formazione di ulcere. Possono manifestarsi anche flebiti, perché dove il sangue ristagna, facilmente coagula.

 

 

"Lo stato dell'arte della scleroterapia" sarà oggetto del corso riservato agli specialisti che si terrà venerdì 30 novembre e sabato 1 dicembre all'IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria. Promosso dal dottor Paolo Tamellini, responsabile della Unità Operativa Semplice di Flebologia della Chirurgia Vascolare, e inserito nel programma didattico della Scuola Italiana di Flebologia, l'appuntamento scientifico prevede nel pomeriggio del primo giorno gli interventi degli specialisti sulla diagnosi e sul trattamento con farmaci sclerosanti delle varici degli arti inferiori; nella mattinata del giorno successivo saranno trattati dei casi clinici in diretta video dalla sala operatoria (programma in allegato).

 

 

Tra gli interventi degli specialisti anche quello del dottor Lorenzo Tessari, medico veronese a cui si deve il cosiddetto "metodoTessari" per la creazione della schiuma sclerosante. Questa viene ottenuta mescolando il farmaco con l'aria atmosferica o con gas biocompatibili, tramite due siringhe collegate tra loro da un rubinetto a tre vie.

 

 

"La schiuma è decisamente più efficace del farmaco liquido - spiega il dottor Tamellini -. Mentre questo si diluisce nel sangue e scorre via con lo stesso, la schiuma ristagna e sposta, per così dire, il sangue, restando più a lungo a contatto della parete della vena. Di conseguenza con farmaci a concentrazione più bassa e in volumi molto minori, si riesce a trattare tratti molto lunghi del vaso. La schiuma inoltre è visibile all'ecografia, pertanto si riesce a monitorare in tempo reale il percorso del farmaco stesso". Il trattamento è assolutamente indolore, viene effettuato in ambulatorio e non richiede anestesia. Il paziente può tornare da subito alle sue normali attività.

I relatori affronteranno anche alcune tecniche cosiddette "miste", quali la MOCA (Ablazione Endovenosa Meccano-Chimica) e la SFALT (Sclero Foam Assisted Laser Treatment). La prima comporta la chiusura della vena attraverso l'introduzione di un catetere rotante che, danneggiando lo strato più interno del vaso, permette al farmaco sclerosante iniettato di essere più efficace. La seconda sfrutta l'azione sinergica del laser e della schiuma sclerosante per giungere allo stesso risultato.

Possono interessarti:

Laser e sclerosanti: le terapie senza dolore delle vene varicose

Il laser che cura le vene varicose senza bisturi