Bella musica e buoni sentimenti al concerto di Natale del Cron

Una serata di bella musica e buoni sentimenti. Non poteva esserci contesto migliore per il concerto di Natale organizzato dal Cron (Circolo Ricreativo Ospedale Negrar) e realizzato martedì 19 dicembre presso l’auditorium di San Zeno in Monte. A esibirsi nel teatro gremito da oltre 150 persone è stato il Quartetto Filarmonico, composto da Giuliana Santi e Viktor Csanyi al violino, Giuseppe Mari alla viola e Giordano Pegoraro al violoncello.

Gli artisti hanno proposto un repertorio di classici, da Mozart a Vivaldi, da Bach a Tchaikovsky, da Massenet a Händel per concludere poi con un medley di suggestive canzoni natalizie. Il tutto accompagnato dalla piacevole presentazione di Davide Da Como.

La serata è stata introdotta dal saluto di padre Miguel Tofful, vicepresidente dell’ospedale, e dall’intervento di Giovanni Fabris, segretario dell’associazione Don Calabria Missioni, che ha descritto il progetto missionario sostenuto attraverso la beneficienza raccolta durante l’evento. Si tratta della sistemazione di una casa dell’Opera Don Calabria a Cagayan de Oro, nelle Filippine. La struttura ospita un’attività di accoglienza per 16 bambine in situazione di grave disagio sociale. E’ una casa dignitosa, ma molto vecchia e malandata anche a causa del clima tropicale tipico dell’isola di Mindanao.


Claudio Cracco nuovo amministratore delegato dell'IRCCS di Negrar

Cambio ai vertici dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar: il Consiglio di Amministrazione ha nominato Claudio Cracco nuovo amministratore delegato, da 1° gennaio 2024. Il dottor Cracco succede al dottor Mario Piccinini, che assume il ruolo di direttore generale per la ricerca con delega ai rapporti con l’Università. Confermato come direttore sanitario il dottor Fabrizio Nicolis.

Dr. Mario Piccinini

Dr. Fabrizio Nicolis

Cambio ai vertici dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar: il Consiglio di Amministrazione ha nominato Claudio Cracco nuovo amministratore delegato, da 1° gennaio 2024. Il dottor Cracco succede al dottor Mario Piccinini, che assume il ruolo di direttore generale per la ricerca con delega ai rapporti con l’Università. Confermato come direttore sanitario il dottor Fabrizio Nicolis.

Cinquantasette anni, due lauree – in Economia e Gestione delle Aziende e dei Servizi Sanitari e in Scienze Economiche –  e un master in management sanitario 4.0, il dottor Cracco è direttore amministrativo della Cittadella della Carità dal 2016. Dal 2023 è vice presidente della Fondazione Poliambulanza di Brescia ed è componente del Consiglio di amministrazione dell’Associazione “Don Calabria Missioni” e del “Centro Solidarietà San Giovanni Calabria”.

La nuova nomina è quindi una staffetta tutta interna alla Cittadella della Carità –  che comprende anche strutture socio-sanitarie e vanta 2.300 collaboratori, di cui 400 medici – nel solco della continuità, ma con uno sguardo al futuro per migliorare ulteriormente la qualità dei servizi, grazie alle competenze umane e professionali dei collaboratori e all’innovazione tecnologica.

Il dottor Mario Piccinini proseguirà la sua collaborazione nel ruolo di direttore generale per la ricerca dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria e avrà la delega per i rapporti con l’Università. Si rafforzerà dunque ulteriormente la collaborazione in essere con l’Ateneo veronese: tra i vari progetti, porterà all’apertura nella Cittadella della Carità di Negrar di un innovativo corso di laurea in Farmacia.

“Con la nomina ad amministratore delegato del dottor Cracco, l’Opera Don Calabria vuole dare continuità in un progetto di successione”, afferma il presidente, fratel Gedovar Nazzari. “Il dottor Cracco lavora in questo Ospedale da 35 anni, 18 dei quali in un ruolo dirigenziale. In questo tempo ha dimostrato di avere le qualità, la formazione e l’esperienza per guidare un ospedale sempre all’altezza dei tempi come voleva il nostro Santo Fondatore. Ringrazio il dottor Piccinini – prosegue – per lo straordinario lavoro svolto dal 1991 in qualità di amministratore, ma anche per la fedeltà e la dedizione dimostrate in quasi mezzo secolo di servizio alla Cittadella della Carità. Un esempio per tutti. La collaborazione del dottor Piccinini proseguirà finalizzata allo sviluppo di ulteriori ‘rami’ della nostra attività: la ricerca e la didattica”.

 


L'IRCCS di Negrar nel progetto per lo sviluppo della rete italiana dei centri di trasferimento tecnologico

Il Ministero della Salute ha finanziato con 15 milioni di euro il progetto PerfeTTO, per la creazione di una Rete italiana di centri di trasferimento tecnologico nell’ambito delle Scienze della Vita. Al progetto partecipa anche l’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria in collaborazione con altri 53 associati, tra cui Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Università, Enti pubblici e privati. L’intento è quello di creare un rete di centri il cui ruolo è quello di valorizzare i risultati della ricerca scientifica e della innovazione ponendosi come interfaccia con il mondo delle imprese.

Il Ministero della Salute ha finanziato con 15 milioni di euro il progetto PerfeTTO, per la creazione di una Rete italiana di centri di trasferimento tecnologico nell’ambito delle Scienze della Vita. Al progetto partecipa anche l’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria in collaborazione con altri 53 associati, tra cui Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Università, Enti pubblici e privati. L’intento è quello di creare un rete di centri il cui ruolo è quello di valorizzare i risultati della ricerca scientifica e della innovazione ponendosi come interfaccia con il mondo delle imprese.

A rappresentare l’intera Rete nazionale sono il Centro Cardiologico Monzino IRCCS di Milano (in qualità di coordinatore principale) e gli IRCCS Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori “Dino Amadori” (IRST, Meldola, FC) e IRCCS “Saverio de Bellis” (Castellana Grotte, BA). L’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria partecipa in qualità di responsabile delle attività di comunicazione e informazione di PerfeTTO verso il cittadino.

PerfeTTO, il cui valore complessivo è di 30 milioni di euro, rientra negli interventi individuati nell’ambito del programma “Ecosistema innovativo della Salute” del Piano Nazionale per gli Investimenti Complementari (PNC) al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Avrà la durata di 8 anni, di cui i primi 4 cofinanziati dal Ministero della Salute.

Oltre alla creazione di reti di ricerca clinico-traslazionali d’eccellenza nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale, l’iniziativa mira a porre le basi per realizzare interventi pubblico-privati che operino in sinergia al fine di innovare, sviluppare e creare opportunità occupazionali altamente qualificate, nonché promuovere un modello di sviluppo del Paese più basato sulla valorizzazione della Ricerca e dei suoi risultati.

Saranno così sviluppate le attività di trasferimento tecnologico e la creazione di nuove imprese innovative (start-up e spin-off) nel settore del Life Science. Saranno messe a sistema e a valor comune, integrando e fornendo supporto tecnico, le strutture di Trasferimento Tecnologico già esistenti quali gli Uffici di Trasferimento Tecnologico delle strutture operanti all’interno del progetto. Saranno condivisi metodi, strumenti, risorse, esperienze, competenze, contatti ed iniziative di promozione dell’offerta tecnico-scientifica di settore. In parallelo saranno implementati percorsi di formazione specifici per le figure professionali dedicate e si realizzeranno nuovi processi per la promozione delle innovazioni d’interesse per il mercato, le forme di protezione della proprietà intellettuale e le formule di valorizzazione più opportune, quali nuove domande di brevetto, titoli di proprietà industriale e contratti di licenza.


Università di Verona e Irccs di Negrar: nasce il corso di laurea in Medicina e Chirurgia a indirizzo ingegneristico

Quello dell”innovativo corso di laurea è solo uno dei progetti che avvieranno l’IRCCS di Negrar verso il titolo di ospedale di Insegnamento. Il 1° gennaio 2024, infatti, sarà costituita, all’interno del Centro Odontostomatologico Ospedale Sacro Cuore di via San Marco 121 a Verona, la Struttura autonoma di ondontoiatria pediatrica ed igiene orale. Nelle stessa sede sarà trasferito il corso di laurea in igiene orale e quello delle professioni sanitarie tecniche già attivi da parte dell’Ateneo

A un anno esatto dalla firma della convenzione storica che ha portato alla nascita al Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia, la collaborazione tra l’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria e l’Università di Verona prosegue realizzando nuovi progetti in ambito sanitario che consentiranno all’Ospedale di Negrar di diventare a pieno titolo “ospedale di insegnamento”.

Il progetto più ambizioso e innovativo porterà alla creazione del corso di Laurea in Medicina e Chirurgia ad indirizzo ingegneristico, come è stato annunciato questa mattina a Palazzo Giuliari dal Magnifico Rettore dell’Università di Verona, Pierfrancesco Nocini, e dall’amministratore delegato dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Mario Piccinini. Presenti, insieme a numerosi rappresentanti dell’ateneo e dell’ospedale Sacro Cuore, anche il direttore generale dell’Università Federico Gallo, il direttore amministrativo dell’IRCCS di Negrar Claudio Cracco

Il corso, che ha già ricevuto il placet del Comitato regionale di coordinamento e che avrà sede all’interno dell’Ospedale della Valpolicella, potrebbe partire già dal 1 ottobre 2024, dopo le approvazioni di Ministero dell’Università e della Ricerca, del Consiglio universitario nazionale e dell’Anvur, Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca.

Ma il primo passo dell’IRCCS di Negrar verso l’ospedale di insegnamento sarà la costituzione, a partire dall’1 gennaio 2024, nelle della nuova struttura autonoma di Odontoiatria pediatrica e igiene orale diretta da Nicoletta Zerman, docente di Malattie odontostomatologiche dell’Università di Verona con un’esperienza ultratrentennale in tale ambito. La struttura sarà inserita nel Centro Odontostomatologico dell’Ospedale Sacro Cuore con sede in via San Marco 121 a Verona. Nella stessa area nel corso dell’anno saranno trasferiti anche il Corso di laurea triennale in Igiene dentale e il Corso di laurea magistrale in Scienze delle professioni sanitarie tecniche già attivi da parte dell’Ateneo.

“Verona avrà il suo nuovo Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia con indirizzo ingegneristico – ha spiegato il Magnifico Rettore Pier Francesco Nocini – studiato come soluzione concreta e immediata con cui ampliare l’organico dei futuri medici a beneficio in primis del territorio regionale veneto. Per di più un corso di laurea innovativo in cui saranno formati medici con competenze di matematica, fisica, ingegneria dell’informazione, medicina robotica e intelligenza artificiale necessarie per comprendere e utilizzare al meglio le nuove tecnologie di cui la medicina si sta arricchendo e contribuire al loro ulteriore sviluppo. Oltre alle tradizionali conoscenze in ambito medico, laureate e laureati acquisiranno nozioni e competenze utili per contribuire alla realizzazione dell’ospedale della medicina del futuro. L’intuizione è nata all’interno del nuovo dipartimento Dimi, Dipartimento di Ingegneria per la medicina di innovazione, dove sono coniugate tali professionalità e competenze, in ambito di didattica e ricerca.Fondamentale in questo passaggio è il ruolo della Regione Veneto per sostenere e appoggiare un progetto così innovativo che avrà ricadute positive sul territorio regionale e nazionale”.

“Un anno fa, in occasione della firma dell’accordo quadro tra l’Università di Verona e l’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, ho sottolineato che quella stretta di mano tra me e il Magnifico Rettore dava vita a un progetto condiviso, di cui il Corso di Laurea magistrale in Farmacia era solo l’inizio”, ha sottolineato l’ad Mario Piccinini. “Oggi quel progetto segna ulteriori tappe in ambito sanitario, sempre sulla strada dell’innovazione come lo è stato per Farmacia. Il Corso di Laurea in Medicina e chirurgia a indirizzo ingegneristico guarda molto lontano, alla presenza nelle corsie dei nostri ospedali veneti e italiani di medici in grado non solo di utilizzare le alte tecnologie, ma anche di saperle governare, mettendole sempre a servizio del bene del paziente. Si tratta di un progetto complesso per il quale abbiamo meno di un anno davanti per definirne tutti i contorni, ma che è necessario realizzare se vogliamo affrontare al meglio le sfide della sanità del futuro. Intanto – ha proseguito Piccinini – accogliamo con soddisfazione, e ringrazio per questa opportunità il Magnifico Rettore, l’insediamento, già a partire dall’inizio del prossimo anno nella struttura del Sacro Cuore Don Calabria di via San Marco, del corso di laurea in igiene dentale e del corso di laurea magistrale nelle professioni sanitarie tecniche. La presenza della professoressa Nicoletta Zerman, come direttrice della Struttura autonoma di odontoiatria pediatrica e di igiene orale, sarà di impulso allo sviluppo della ricerca nell’ambito delle patologie dentali infantili, ricerca che è parte della mission del Sacro Cuore Don Calabria, essendo l’Ospedale Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico”.

“L’avvio di questo progetto – ha spiegato la professoressa Nicoletta  Zerman – che vede raccolte in un unico centro sanitario così importante per il nostro territorio competenze in ambito clinico, formativo e di ricerca, è il frutto di una visione strategica del Magnifico Rettore del nostro Ateneo e condivisa dalla governance dell’Ospedale di Negrar, in primi dall’Amministratore delegato dottor Piccinini, e resa formalmente possibile dagli interventi del Direttore generale dell’ateneo di Verona Federico Gallo e dal Direttore generale dell’Aoui Callisto Bravi che personalmente ringrazio. Poter contribuire all’avvio di un progetto così importante che mira a fare di Verona un riferimento a livello nazionale di buone pratiche sanitarie sia a livello di prevenzione che di cura, grazie alla sinergia tra l’Ateneo e l’Ospedale di Negrar, è sicuramente motivo di soddisfazione e va affrontato con grande senso di responsabilità


Santa Lucia in Pediatria con Prezzemolo: un regalo dell'Ordine di Malta

Una Santa Lucia speciale, quella che hanno vissuto mercoledì 13 dicembre i bambini ricoverati presso la Pediatria dell’IRCCS di Negrar. Con grande sorpresa hanno ricevuto la visita di Prezzemolo, la celeberrima mascotte di Gardaland. Ad accompagnarlo in reparto la Delegazione di Verona dell’Ordine di Malta: barellieri e sorelle vestite da pellegrinaggio hanno consegnato ai piccoli degenti giocattoli, libri e gli immancabili dolci.

Una Santa Lucia speciale, quella che hanno vissuto mercoledì 13 dicembre i bambini ricoverati presso la Pediatria dell’IRCCS di Negrar. Con grande sorpresa hanno ricevuto la visita di Prezzemolo, la celeberrima mascotte di Gardaland. Ad accompagnarlo in reparto la Delegazione di Verona dell’Ordine di Malta: barellieri e sorelle vestite da pellegrinaggio hanno consegnato ai piccoli degenti giocattoli, libri e gli immancabili dolci.

Nel corso della visita ha trovato spazio anche un momento di raccoglimento con il Cappellano di delegazione, monsignor Silvano Mantovani, che ha recitato insieme ai presenti la preghiera a Santa Lucia e quella alla Madonna del Fileremo, “Vergine di tutte le Grazie”, a cui da secoli l’Ordine di Malta è devota. Una sua immaginetta e la preghiera letta è stata donata ai bimbi ricoverati e ai loro genitori.

All’incontro era presente anche il direttore amministrativo dell’Ospedale, Claudio Cracco, e il direttore della Pediatria, il dottor Paolo Bonetti.  “Ringraziamo di cuore l’Ordine di Malta per questa splendida e generosa iniziativa, ha detto il Primario. “Tutti i bambini dovrebbero vivere in pienezza la Festa di Santa Lucia. Purtroppo non sempre è possibile, come nel caso di un ricovero in ospedale. Momenti come questi appartengono al prendersi cura del bambino, il cui benessere è legato alle anche esigenze delle sua età, fra queste la spensieratezza, la sorpresa, il gioco. Elementi che l’Ordine di Malta oggi ha portato nel nostro reparto”.


Violenza di genere: come riconoscere i primi segnali. Convegno all'IRCCS di Negrar

La violenza di genere che non si manifesta esclusivamente con l’assassinio, ma anche tramite maltrattamenti, abusi sessuali e non, e angherie psicologiche. Violenze molto spesso taciute dalle stesse vittime, per paura o per vergogna.
Ma quali sono i primi segnali che possono presagire una crisi? Come riconoscerli da parte della stessa donna e anche degli operatori con cui viene in contatto. Se ne parla lunedì 11 dicembre in un convegno, aperto anche alla ciittadinanza, all’Irccs di Negrar (clicca qui per il programma)

Sono già oltre 100 le donne che quest’anno sono state uccise. Giovanissime e meno giovani, la gran parte ha perso la vita per mano di persone con cui avevano o avevano avuto un legame affettivo. Queste vittime sono la punta dell’iceberg di una violenza di genere che non si manifesta esclusivamente con l’assassinio, ma anche tramite maltrattamenti, abusi sessuali e non, e angherie psicologiche. Violenze molto spesso taciute dalle stesse vittime, per paura o per vergogna.
Ma quali sono i primi segnali che possono presagire una crisi? Come riconoscerli da parte della stessa donna e anche degli operatori con cui viene in contatto?

Giuseppe Deledda, responsabile Psicologia Clinica IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar
Dr. Giuseppe Deledda

Queste le domande che saranno al centro dell’incontro in programma lunedì 11 dicembre nella sala convegni dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar. Promosso dal dottor Giuseppe Deledda, direttore dell’Unità Operativa di Psicologia dello stesso ospedale, l’incontro avrà inizio alle 13.30 ed è aperto al pubblico.

Durante il pomeriggio, il tema della violenza di genere sarà trattato anche dal punto di vista letterario, attraverso l’ultimo romanzo, Il segreto di May, pubblicato nel 2022 dalla dottoressa Luisa Nadalini, psicologa e psicoterapeuta, già direttore del Servizio di Psicologia clinica e oncologica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona. Dal 2011, la dottoressa Nadalini alterna la pubblicazione di ricerche e articoli scientifici con quella di romanzi che trattano casi di violenza di genere con l’intento di diffondere la cultura della cura psicologica e della narrazione clinica.

La psicologa Benedetta Tesoro porterà invece la sua testimonianza come coordinatrice dell’area donne di casa S. Benedetto- Fondazione Don Calabria per il Sociale.

L’attività dell’Opera Don Calabria in favore delle donne in difficoltà risale al 2004, ma è nel 2018 che si specializza nell’accoglienza di donne vittime di violenza. Viene infatti aperta la “Casa Rifugio Est Veronese”, in collaborazione con la Regione Veneto e il Comune di San Bonifacio. Nel 2020 nasce anche la “Casa Rifugio Ovest Veronese”, con ente promotore l’allora Ulss 22 e sempre con il supporto della Regione. In cinque anni le case rifugio Don Calabria hanno ospitato, protetto e accompagnato nel difficile percorso di uscita dalla violenza 57 donne (cinque delle quali in gravidanza) e i loro 73 figli di età compresa tra i 4 mesi e i 18 anni.  La dottoressa Tesoro e le operatrici dell’area rifugio sono costantemente impegnate anche in momenti formativi nelle scuole, in parrocchie e nelle associazioni sportive per sensibilizzare le nuove generazioni sulle diverse tipologie di violenza affinché siano viste e riconosciute.


"Shalom, germogli di pace". La nuova lettera del Casante

“Promuovere la fratellanza universale, l’ecologia integrale, la cultura della pace e dell’incontro dei popoli”. In questa esortazione, contenuta nel documento finale del XII Capitolo dei Poveri Servi della Divina Provvidenza (2022) sta racchiuso il senso profondo della nuova lettera che il Casante don Massimiliano Parrella ha rivolto alla Famiglia Calabriana. Una lettera che vuole essere un invito per tutti ad essere operatori di pace nel lavoro e nella vita di ogni giorno.

Si intitola “Shalom, Germogli di pace” la lettera che il Casante, don Massimiliano Parrella, ha rivolto a tutta la Famiglia Calabriana, di cui fa parte anche la Cittadella della Carità di Negrar. La lettera è stata pubblicata lo scorso 26 novembre in occasione del 116° anniversario di fondazione dell’Opera Don Calabria.

Leggi la lettera

Il Casante, don Massimiliano Parrella

Nel testo il Casante invita tutti coloro che collaborano con l’Opera a lavorare concretamente per la pace in questo momento nel quale il mondo sembra andare nella direzione opposta. Una strada, quella indicata da don Parrella, che è stata tracciata nel XII Capitolo Generale dei Poveri Servi della Divina Provvidenza (2022). Infatti nel documento finale del Capitolo si legge che la Famiglia Calabriana è chiamata a: Promuovere la fratellanza universale, l’ecologia integrale, la cultura della pace e dell’incontro dei popoli, soprattutto in contesti ecumenici ed interreligiosi” (Strada 15 f. Dal Doc. Finale dei XII Capitoli Generali)”.

In questo particolare tempo di lotte e di guerre nel mondo – spiega il Casante – ancora di più siamo chiamati ad essere Segno visibile dell’Amore del Padre per noi e potremo essere segno solo se saremo capaci di essere Operatori di Pace!”.

La lettera è già stata divulgata in tutti i Paesi dove sono presenti comunità dell’Opera, tradotta nelle varie lingue, e sarà approfondita negli incontri natalizi e nei momenti di formazione “calabriana” del nuovo anno.

Auspico che questa lettera oltre che essere letta, sia anche meditata e vissuta nei propri contesti/territori – conclude il settimo successore di san Giovanni Calabria – e vi auguro lo Shalom! Solo se saremo Operatori di pace, mostreremo il volto di Dio Padre; solo se saremo Operatori di pace saremo chiamati figli di Dio; solo se saremo Operatori di Pace come Famiglia Calabriana, saremo un segno visibile per i più poveri e abbandonati. Shalom!“.

Per approfondire vedi anche l’articolo sul sito dell’Opera Don Calabria: vedi link.


La riabilitazione dopo l’ictus, con la tecnologia che si basa sui neuroni a specchio

Il “Sacro Cuore”, primo nel Veneto, dispone di due macchinari che facendo leva sulla funzione dei neuroni a specchio, aiutano i pazienti a muovere l’arto malato imitando i movimenti sullo schermo di quello sano

Si chiama “mirror therapy” ed è la diretta applicazione nella riabilitazione motoria di quella meravigliosa scoperta, ormai risalente a 20 anni fa, che sono i cosiddetti neuroni a specchio, una classe speciale di cellule cerebrali dedicate al movimento, grazie alle quali noi possiamo imparare osservando gli altri.

I fisioterapisti di solito, per applicarla, si servono di specchi e di apposite scatole, ma da pochi anni è entrata in campo la tecnologia digitale, con due dispositivi, in particolare IV3 e IV4-Intensive visual simulation, di cui il Servizio di Medicina fisica e riabilitativa dell’IRCCS di Negrar, diretto dalla dottoressa Elena Rossato, dispone da alcune settimane.

Si tratta di una sorta di computer, predisposti uno per gli arti inferiori e l’altro per quelli superiori, indicati per la preparazione alla fisioterapia, classica o in ambiente robotico, soprattutto dei pazienti con emiparesi da ictus e che sfruttano proprio le prerogative dei neuroni a specchio. Questo tipo di dispositivi sono presenti in pochi centri in Italia, soprattutto il IV4 per gli arti inferiori, tra cui al “Sacro Cuore Don Calabria.

“Il paziente, sedendosi frontalmente, viene invitato a eseguire i movimenti del braccio o della gamba che vede sullo schermo con il proprio arto ‘malato’”, spiega la dottoressa Rossato. “Il valore aggiunto di questi dispositivi digitali è quello di offrire al paziente la possibilità che il braccio o la gamba da ‘imitare’ siano i propri. Questo avviene registrando i movimenti degli arti non colpiti dalla malattia le cui immagini poi sono riprodotte in maniera speculare. In pratica è come se la persona vedesse sullo schermo il proprio arto da riabilitare in movimento ed è maggiormente indotta ad imitarlo”.

Un processo dovuto ai neuroni a specchio situati nelle aree frontali 4 e 5 del cervello e specializzati nell’attivazione motoria. “Gli esercizi effettuati grazie a questi sistemi hanno lo scopo di riattivare l’arto malato in funzione dell’inizio della fisioterapia vera e propria, la quale, senza questa preparazione, implicherebbe dolore e resistenza del tono muscolare dovuti all’immobilità”, aggiunge Rossato.

L’uso del IV3 e IV4 si è dimostrato “particolarmente utile per i pazienti colpiti da ictus che hanno difetti di attenzione verso la parte malata perché li riporta ad osservarla”, prosegue la fisiatra. Danno risultati anche nella sindrome dell’arto fantasma: i pazienti amputati spesso lamentano fortissimi dolori alla gamba e al braccio che non c’è più. Utilizzando questi sistemi le connessioni cerebrali vengono in qualche modo ‘ingannate’ e il paziente vedendo sullo schermo il movimento normale del suo arto inesistente non ne percepisce più il dolore. Infine sono indicati per tutti coloro che hanno disturbi cerebellari con forti distonie, perché li aiuta a rallentare i movimenti”.

I ricercatori del Servizio di Medicina Fisica e Riabilitativa stanno sviluppando un protocollo di ricerca per valutare anche l’efficacia di queste tecnologie nei disturbi di sensibilità. “L’emiparesi provocata dall’ictus toglie al paziente non solo la mobilità dell’arto ma anche la sensibilità dello stesso – conclude la fisiatra -. Questo ha ricadute importanti nel recupero del cammino perché a causa dell’insensibilità vengono sviluppate posizioni sbagliate su cui poi si può intervenire solo con la chirurgia funzionale. Lo studio vuole valutare proprio l’efficacia del trattamento con IV4 abbinato alla riabilitazione tramite esoscheletro”.


Il professor Giovanni Targher tra i ricercatori più citati al mondo

Professore associato di Endocrinologia all’Università di Verona e ricercatore presso l’IRCCS di Negrar, Giovanni Targher per il secondo anno consecutivo è stato inserito nella lista Highly Cited Researchers stilata da Clarivate. Un prestigioso riconoscimento sull’interesse e  sulla qualità della sua ricerca in ambito medico.

Giovanni Targher, professore associato di Endocrinologia dell’Università di Verona e ricercatore dell’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, è tra i ricercatori più citati al mondo. A dirlo la lista degli Highly Cited Researchers stilata ogni anno da Clarivate, una delle società più accreditate nel fornire servizi basati sull’analisi di dati e informazioni relativi alla ricerca scientifica e accademica.

“Sono molto onorato di essere stato incluso, per il secondo anno consecutivo, in questa prestigiosa lista internazionale che identifica i ricercatori e le ricercatrici più influenti al mondo in base alle loro pubblicazioni scientifiche – dichiara Targher-. Questo significa che la linea di ricerca di cui mi sto interessando con il mio gruppo da oltre 20 anni, solleva sempre un particolare interesse a livello internazionale. In questa occasione, voglio ringraziare la governance universitaria dell’ateneo di Verona per avermi permesso di raggiungere tali risultati oltre che l’Amministrazione dell’Irccs Sacro Cuore – Don Calabria di Negrar dove sto proseguendo attualmente, ormai da qualche mese, la mia attività di ricerca all’interno di un ambiente scientificamente vivace e molto stimolante”.

Clicca qui per l’articolo completo pubblicato UNIVR/Magazine


All'AD Piccinini il premio "Imprenditore per il Bene Comune" di Cattolica Assicurazioni

L’Amministratore Delegato della Cittadella della Carità, di cui fa parte anche l’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria,  Mario Piccinini è stato insignito del premio “Imprenditore per il Bene Comune”, istituito da Cattolica Assicurazioni e dedicato “agli imprenditori italiani, del mondo profit e non profit, che si sono distinti per la propria capacità di orientare l’impresa al bene, coniugando mercato, sostenibilità, profitto e solidarietà”.

Il premio che rappresenta l’albero della Dottrina Sociale, opera del maestro orafo Moreno Paluan

L’Amministratore Delegato della Cittadella della Carità, di cui fa parte anche l’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria,  Mario Piccinini è stato insignito del premio “Imprenditore per il Bene Comune”, istituito da Cattolica Assicurazioni e dedicato “agli imprenditori italiani, del mondo profit e non profit, che si sono distinti per la propria capacità di orientare l’impresa al bene, coniugando mercato, sostenibilità, profitto e solidarietà”.

La cerimonia di consegna si è tenuta nella serata di venerdì 24 novembre in Fiera, a Verona, nell’ambito del tredicesimo Festival della Dottrina Sociale .

Questa la motivazione del Premio, consegnato al dottor Piccinini dal dottor Piero Fusco – Responsabile del Business Unit Enti Religiosi e Terzo Settore di Cattolica Assicurazioni:

“La gestione della Cittadella della Carità è l’obiettivo a cui Mario Piccinini ha dedicato la vita professionale col desiderio di fare bene il Bene. Innovazione, organizzazione, tecnologie, competenze diffuse e formazione continua sono strumenti non finalizzati alla mera cura della malattia ma a porre la Persona al centro di una relazione di cura e di amore. Viene così custodita l’originaria missione di San Giovanni Calabria, che Mario condivide con tutto il personale”

Gli altri imprenditori premiati sono:

Susanna Martucci, Fondatrice di Alisea (Vicenza); Massimo Mercati, Amministratore Delegato di Aboca (Sansepolcro, Arezzo); Gaetano Giunta, Fondatore e Segretario Generale di Fondazione Messina (Messina); Stefano Petrillo, Fondatore e Amministratore Delegato di Enjoy Investment (Segrate, Milano); Roberto Cimberio, Amministratore Delegato della Cimberio Spa (San Maurizio D’Opaglio, Novara).